Iniziare, continuare…

Mettiamo una mattina qualunque, verso le 8, facciamo che sia lunedì.
E poi mettiamoci freddo fuori e un cielo grigio. La fretta dei soliti preparativi, le corse, la ricerca nervosa delle cose. Qualche urto, perchè la casa è piccola.

Poi ad un tratto, lei ti prende per mano, ti mette a sedere e ti si accoccola addosso come una bambina. Si fa piccola che sembra quasi stare tutta fra le tue braccia.
Un minuto, forse due, senza tante parole. Poi si alza e torna davanti allo specchio.

La giornata riparte, ma non è più la stessa.

Un commento su “Iniziare, continuare…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.