Download automatici di un canale Youtube

Di Youtube-dl ho già parlato, ma ogni volta che vi ricorro si dimostra ancora più versatile e potente di quanto potessi immaginare.
Una convention annuale solitamente articolata in più giorni, in questo periodo di pandemia si svolge completamente online, pubblicando i filmati degli interventi su un canale Youtube.
Purtroppo i video rimangono disponibili solo per poche ore, avevo quindi bisogno di scaricarli in fretta, evitando però di includere anche altri video pubblicati precedentemente.

Leggendo tra la documentazione di Youtube-dl, ho scoperto l’opzione --dateafter, mi basta quindi impostare la data di inizio della convention per selezionare automaticamente solo i video pubblicati a partire da quella data.

Con l’opzione --download-archive evito il download dei video precedentemente scaricati. Youtube-dl tiene traccia di quanto ha già scaricato nel file download.txt .

L’opzione -i ignora eventuali errori relativi a filmati non disponibili, nel mio caso utili perchè già presenti in playlist i filmati in programma nei giorni successivi.

Con l’opzione -o specifico la cartella di destinazione e il formato del nome del file da salvare.

Il comando completo è quindi:

$ youtube-dl -o "/cartella/download/%(title)s.%(ext)s" --dateafter 20210315 --download-archive /cartella/download/downloads.txt -i https://www.youtube.com/playlist?list=abcde1234

inserito in un crontab, ogni 6 ore controlla la presenza di nuovi video e li scarica nella cartella scelta.

# scarica i nuovi filmati ogni 6 ore
* */6 * * * youtube-dl -o "/mnt/download/CON6/%(title)s.%(ext)s" --dateafter 20210315 --download-archive /mnt/download/downloads.txt -i https://www.youtube.com/playlist?list=abcde1234

ET:Legacy 2.77!

Di recente ho scoperto con piacere che è ancora possibile giocare a Return to Castle Wolfenstein e soprattutto alla sua evoluzione online ET:Legacy.
Di ET:Legacy, il port libero di Enemy Territory, è da poco uscita la nuova versione 2.77 che tra le altre cose supporta nativamente le ultime versioni di MacOS.

Sulla mia installazione di Linux Mint 20.1 Ulyssa i binari precompilati continuano a dare problemi in fase di esecuzione, ma Flatpak corre in aiuto della mia pigrizia: ET:Legacy è già pronto per essere installato!

Creare un veloce sito WordPress con Docker e Raspberry Pi

Mi è capitato di dover effettuare importanti modifiche ad un sito realizzato con WordPress e avere le necessità di condividere il lavoro con altre persone.
Invece di “pasticciare” sul server di produzione, ho pensato di utilizzare il Raspberry Pi 4 che ho in casa come server di sviluppo.
Siccome il Raspberry in questione svolge già una miriade di compiti, per non smanettare troppo ho deciso di usare Docker, così da avere un’istanza preconfigurata di WordPress facilmente installabile e rimovibile quando non mi servisse più.

Su Docker Hub esiste l’immagine ufficiale di WordPress, ma si appoggia ad un database MySQL che non sembra funzionare sull’architettura ARM del Raspberry Pi.
Ho quindi scelto un’immagine specifica per ARM e l’installazione è andata liscia.

Questo è il mio file docker-compose.yml:

version: '3.1'
 services:
 wordpress:
     image: wordpress:latest
     container_name: wordpress
     restart: always
     ports:
       - 8080:80 # il sito comunicherà con l'esterno attraverso la porta 8080, modificabile a piacere  
     environment:
       WORDPRESS_DB_HOST: db
       WORDPRESS_DB_USER: test
       WORDPRESS_DB_PASSWORD: password
       WORDPRESS_DB_NAME: test
     volumes:
       - /opt/docker/wordpress/data:/var/www/html #per comodità ho creato una cartella dove archiviare i file di WordPress
 db:
     image: biarms/mysql # ho modificato questa riga per utilizzare l'immagine MySQL di biarms per ARM
     restart: always
     environment:
       MYSQL_DATABASE: test
       MYSQL_USER: test
       MYSQL_PASSWORD: password
       MYSQL_RANDOM_ROOT_PASSWORD: '1'
     volumes:
       - db:/var/lib/mysql
 volumes:
   wordpress:
   db:

Non sono un esperto di Docker, quindi probabilmente tutto si potrebbe fare meglio di così, ma in questo modo nel giro di pochi minuti ho avuto un’istanza funzionante di WordPress raggiungibile all’indirizzo http://<IP_RASPBERRYPI>:8080 .

Perchè il sito fosse raggiungibile anche dall’esterno mi è bastato utilizzare il reverse proxy Nginx già presente nella mia configurazione (a voi il divertimento eventuale di configurarlo e aprire le porte del vostro router casalingo, sul web trovare migliaia di tutorial e how-to) aggiungendo queste righe al file .conf già presente in /etc/nginx/sites-enabled :

location /test/ {
        proxy_set_header X-Real-IP $remote_addr;
        proxy_set_header X-Forwarded-Proto $scheme;
        proxy_pass http://0.0.0.0:8080;
        proxy_set_header Host $host;
        proxy_set_header X-Forwarded-Host $host;

Dopo aver riavviato Nginx

$ systemctl reload nginx.service

la mia installazione WordPress è raggiungibile digitando http://MIO_INDIRIZZO_IP/test .

Però si era detto che questo sarebbe stato un sito di prova e non è bello che sia accessibile da chiunque.
Per questo ci viene in soccorso la basic authentication di Nginx : basta creare gli utenti desiderati con il comando :

$ sudo htpasswd /etc/apache2/.htpasswd utente1

e poi editare ancora il precedente file .conf di Nginx :

...
 location /test/ {
        proxy_set_header X-Real-IP $remote_addr;
        proxy_set_header X-Forwarded-Proto $scheme;
        proxy_pass http://0.0.0.0:8080;
        proxy_set_header Host $host;
        proxy_set_header X-Forwarded-Host $host;

        # authentication
        auth_basic           "Area di test - Accesso riservato";
        auth_basic_user_file /etc/apache2/.htpasswd;

Un altro $ systemctl reload nginx.service per caricare la nuova configurazione e voilà!

A questo punto è bastato fare una copia del sito originale con il plugin Duplicator per WordPress, cancellare il contenuto della cartella data e sostituirlo con i due file creati da Duplicator, un archivio e un installer.
Andando all’indirizzo http://MIO_INDIRIZZO_IP/test/installer.php ho avviato la procedura di migrazione e in pochi minuti ho avuto una perfetta replica del mio sito, pronta per essere modificata a piacimento.
Una volta soddisfatto delle modifiche, sempre utilizzando Duplicator, potrò compiere la migrazione in senso inverso, dal server di test a quello pubblico.

Libreoffice e MacOS Catalina: gioie con qualche dolore

L’introduzione di MacOS Catalina non è stata indolore per molti utenti: il definitivo abbandono delle applicazioni 32-bit ha costretto molti ad un po’ di lavoro extra, mentre alcune funzioni di sicurezza del nuovo sistema operativo Apple a volte creano qualche problema, soprattutto con le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati.

Questa ridda di cambiamenti nella piattaforma possono essere la causa di qualche bug, come nel caso di Libreoffice.
Una nuova installazione della versione 7.0 su un Macbook appena inizializzato aveva problemi nel salvataggio dei file: cliccando sull’icona di salvataggio il sistema sembrava andare in blocco per qualche secondo per poi tornare reattivo ma senza aver effettuato il salvataggio nè tantomeno aver fornito un messaggio di errore esplicativo.

Cercando in rete mi sono imbattuto nella segnalazione di questo bug, probabilmente dovuto all’installazione del language pack.

Seguendo le istruzioni, è bastato spostarsi nella cartella Applicazioni del mio Mac

$ cd /Applications

e digitare il comando:

$ codesign -vvv --deep --strict LibreOffice.app

Rimuovere la password dai file PDF (riga di comando)

A volte capita di ricevere un PDF protetto da password e di non essere quindi in grado di modificarlo nè tantomeno di stamparlo.
Nel mio caso si trattava di una ricetta medica che dovevo assolutamente stampare.
Una prima ricerca su Internet mi ha portato a decine di programmi in grado di risolvere il mio problema, ma poi mi sono chiesto se non potessi evitare di installare un altro programma per modificare soltanto un file.
Le soluzioni per Linux sono molteplici, ma avevo a portata di mano un Mac e quindi ho cercato nei repository di Homebrew dove ho trovato qpdf.

E’ bastato installarlo:

brew install qpdf

e poi con un semplice comando creare un nuovo file PDF senza password:

qpdf --password=PASSWORD_PDF --decrypt file_con_password.pdf nuovo_file_senza_password.pdf

qpdf è uno strumento molto versatile per la manipolazione dei file PDF, potete trovare qui tutta la documentazione.